Benvenuto in una pagina del sito mitidelmare.it
Se ti piace il modellismo navale, se vuoi vedere modelli realizzati da tanti appassionati, se
vuoi qualche piccolo suggerimento costruttivo, comincia dalla home page. Buona navigazione!

Sea Lady
Peschereccio britannico per la pesca nel Mar Baltico


Home page
Vai alla pagina degli altri miti
Vai al sito dell'A.N.V.O.

Contatta
l'autore del sito

Costruttore:   Saretto Almerino
Periodo: 1990         Scala  1:35
Questa scheda è stata preparata per gentile concessione dell' A.N.V.O.
Associazione Navimodellisti Valle Olona - Castellanza VA

La pesca a strascico era praticata con imbarcazioni a vela. Quando i pescherecci hanno potuto usufruire della propulsione meccanica sono diventati molto più efficienti.
Si sono anche evoluti e diversificati i sistemi di pesca a strascico che, a partire dal 1960, prevedono l'impiego di due reti, di dimensioni inferiori a quelle del passato, poste ai lati della nave.


Questo tipo di pesca, praticato nel Mare del Nord, è stato inizialmente adottato dagli Olandesi e poi anche da pescherecci del Belgio e della Gran Bretagna.
I pescherecci di questo tipo hanno una lunghezza compresa fra 20 e 45 metri e un motore molto potente che consenta di trainare due reti gemelle utilizzando una massiccia piattaforma, legata con catene, che viene trascinata sul fondo del mare.


Le travi che sostengono le reti hanno lunghezze comprese fra gli 8 e i 12 metri, a seconda delle dimensioni del peschereccio, e sono azionate da grossi argani. Le reti, dopo essere state calate in mare, vengono trainate alla velocità di circa 6 nodi per due ore e poi issate a bordo. Svuotate del pescato vengono nuovamente calate per un nuovo ciclo.
Il pescato viene suddiviso per tipo e immesso in un grande vascone, posto a prua, tramite un nastro trasportatore. Poi viene sistemato nelle celle frigorifere che si trovano sotto coperta.






Questo modello riproduce il peschereccio Sea Lady che è ormeggiato nel porto di Brixham, nel Devon in Inghilterra.
Con i suoi 23 metri di lunghezza appartiene ad una delle classi più piccole.
Monta un motore olandese da 295 HP.
Lo scafo, costruito in Polonia, è stato completato nel complesso navale olandese di Maaskant nel Bruinisse. L'elica è inserita in un anello di forma conica.
Lo scafo è protetto dall'usura con apposite barre. L'unica ancora è ospitata in una cubia rettangolare sul mascone di dritta. La prua è protetta da una robusta struttura a forma di arco.
Il modello, navigante e radiocomandato, è provvisto di tutte le luci regolamentari.
La plancia di comando e i locali interni sono completamente arredati.

Questo testo è un breve estratto dell'ampia descrizione fornita dal modellista che illustra, accuratamente, tutti i componenti e le manovre. Il testo completo potrà essere inviato a chi, interessato a questa riproduzione, lo richiederà all'autore del sito www.mitidelmare.it.