Benvenuto in una pagina del sito mitidelmare.it
Se ti piace il modellismo navale, se vuoi vedere modelli realizzati da tanti appassionati, se vuoi qualche piccolo suggerimento costruttivo, comincia dalla home page. Buona navigazione!

Pinco genovese

Imbarcazione mercantile a vela

Home page
Vai alla pagina degli altri miti
Vai al sito dell'A.N.V.O.
Costruttore: Borella Luciano
Periodo:  1750  -  Scala   1:50
Questa scheda è stata preparata per gentile concessione dell' A.N.V.O.
Associazione Navimodellisti Valle Olona - Castellanza VA
L'eventuale riproduzione di immagini contenute in questa pagina deve essere preventivamente autorizzata dall'A.N.V.O.      e-mail: anvo19@outlook.it
Il Pinco era una nave particolarmente diffusa nella marineria ligure dal XVIII secolo ai primi del XIX secolo. Aveva una portata massima di 300 tonnellate. La scialuppa di salvataggio era solitamente trainata a rimorchio. La caratteristica principale del Pinco era infatti quella di portare il massimo carico possibile e, a tale scopo, le merci venivano stivate anche fuori bordo (particolarmente le botti). Il Pinco compiva viaggi solo nel Mediterraneo e non si allontanava mai troppo dalla costa.
L'albero di mezzana era spostato a sinistra della mezzeria della nave per permettere di manovrare la barra del timone. Con il bel tempo e vento favorevole, il Pinco era una nave molto veloce e manovriera, tantè vero che spesso corsari e pirati òliguri la armavano con bocche da fuoco per assalire le navi inglesi che si avventuravano nel Mediterraneo attraverso lo stretto di Gibilterra.