Benvenuto in una pagina del sito www.mitidelmare.it
Se ti piace il modellismo navale, se vuoi vedere modelli realizzati da tanti appassionati, se vuoi qualche piccolo suggerimento costruttivo, comincia dala home page. Buona navigazione!
Leudo ligure vinacciere

Imbarcazione per trasporto e pesca

home page

Altri miti

Profili imbarcazioni
a vela


Sito A.N.V.O.


VIDEO


 Costruttore:   Sarti Mario
  Periodo:  1920          Scala  1:32
  Questa scheda è stata preparata per gentile concessione dell' A.N.V.O.
  Associazione Navimodellisti Valle Olona - Castellanza VA
L'eventuale riproduzione di immagini contenute in questa pagina deve essere preventivamente autorizzata dall'A.N.V.O.      e-mail: anvo19@outlook.it
Il Leudo é stata una imbarcazione da carico, probabilmente, di origine catalana.
Simile l'albero inclinato, la coperta a "schiena d'asino', il bolzone ed anche le linee d'acqua.
Il leudo o loido (in lingua italiana leuto o liuto, in lingua ligure Iceidu o leudo) è il vocabolo dato, in Liguria, ad una famiglia di barche a vela latina che sono state utilizzate per le attività di cabotaggio (trasporto di merci) fino agli ultimi decenni del Novecento, in tutta l'area mediterranea.
Il leudo si presenta come una piccola nave di circa quindici metri di lunghezza con una capacità di carico di una trentina di tonnellate. la forma affusolata dello scafo gli permetteva, in un’epoca con porti ancora scarsi, di esser calato sulla spiaggia e di affrontare il mare aperto.    
Nell'Ottocento i principali carichi di merce erano: il trasporto del vino ligure, il formaggio pecorino di Sardegna, l’ardesia del territorio di Cogorno, le ceramiche di Albissola, sale, sabbia.
Lo scafo appariva goffo e panciuto, ma era sicuro e manovriero; navigava con equipaggio ridotto e ormeggiava dovunque senza problemi.  
La sua coperta ricurva imbarcava mare vivo e lo scaricava immediatamente dagli ombrinali senza accusare, per questo, pericolosi sbandamenti. 
La sua ampia vela latina era sostenuta da una lunga antenna, ed era in grado di bordeggiare grazie all'albero fortemente inclinato in avanti come gli antichi sciabecchi arabi.
Il lungo bompresso prendeva molto vento sulla prua e dava slancio e penetrazione allo scafo che aveva molte peculiarità tecniche di assoluta originalità e funzionalità.
Di questa collaudata imbarcazione si vedono oggi soltanto alcuni esemplari naviganti, grazie soprattutto alla passione di quei pochi skipper-armatori, che sono gli unici eredi, testimoni e portatori di una eredità storica meravigliosa.