Benvenuto in una pagina del sito mitidelmare.it
Se ti piace il modellismo navale, se vuoi vedere modelli realizzati da tanti appassionati, se vuoi qualche piccolo suggerimento costruttivo, comincia dalla home page.   Buona navigazione !

Incrociatore Raimondo Montecuccoli

Il modello riproduce l'incrociatore leggero, della Classe Maestrale, appartenente alla Marina Militare Italiana.

Home page
Vai alla pagina degli altri miti
Vai al sito dell'A.N.V.O.
L'eventuale riproduzione di immagini contenute in questa pagina deve essere preventivamente autorizzata dall'A.N.V.O.      e-mail: anvo19@outlook.it
A sinistra il modello dell'incrociatore leggero Raimondo Montecuccoli in navigazione.
Fotomontaggio realizzato dall'autore di questo sito.

Costruttore:  Rino Saretto
Periodo: 1935  -  Cantiere:  Ansaldo di Genova
Armatore:
Regia Marina Italiana / Marina Militare Italiana
Modello in scala 1:100.
Scheda preparata per gentile concessione dell'
A.N.V.O.
Associazione Navimodellisti Valle Olona - Castellanza VA

Incrociatore leggero appartenente alla lasse Condottieri aveva un dislocamento, a pieno carico, di 8895 Tonn, era lungo 182,2 m e largo 16,6 m.
Fu varato nel 1934 nei Cantieri Ansaldo di Genova e consegnato alla Regia Marina Italiana il 30 Giugno del 1935.
Partecipò a diverse missioni di protezione del traffico marittimo durante la guerra civile spagnola.
Nel 1937 fu in estremo oriente in occasione del conflitto cino-giapponese.
Rientrato in Italia nel 1939 partecipò a diverse operazioni belliche fra le quali la battaglia di Punta Stilo, del 9 Luglio 1940, il bombardamento contro costa all'isola di Corfù del 18 Dicembre 1940, la prima battaglia della Sirte il 17 Dicembre 1941, la battaglia di mezzo Giugno, dal 12 al 16, e la battaglia di mezzo agosto, dal 10 al 15, entrambe nel 1942.
Il 4 Dicembre 1942, nel porto di Napoli, subì un bombardamento da parte di aerei B-24 americani. Una bomba, penetrata a centro nave proprio dentro un fumaiolo, causò 44 morti e 36 feriti e gravi danni allo scafo. La nave venne comunque riparata in sette mesi di lavoro.
Dopo l'8 Settembre 1943 il Raimondo Montecuccoli raggiunse Malta insieme aad altre unità ed effettuò numerose missioni di trasporto veloce e di ripatrio di prigionieri.
Tornato alla Marina Militare Italiana, in seguito al trattato di pace, riprese l'attività di squadra dal 1947 al 1949 quando fu adibito a Nave Scuola per gli Allievi dell'Accademia Navale di Livorno.
Nel 1954, in occasione dell'entrata dell'Italia nella Nato, subì, a La Spezia, importanti lavoro di ammodernamento che ne migliorarono le caratteristiche di Nave Scuola. Venne contraddistinto  con il nunero di matricola 552.
Come nave scuola, e come nave di squadra, il Raimondo Montecuccoli raggiunse numerose destinazioni fra le quali Copenaghen (1955), Montreal, Boston e Filadelfia (1958), Helsinky (1961), Inviato a Melbourne, con compiti di rappresentanza in occasione delle Olimpiadi, rientrò via Panama a causa della crisi di Suez compiendo, quindi, la circumnavigazione del globo (1 Settembre 1956 - 1 Marzo 1957), circumnavigazione del continente africano (1963).
Il 31 Maggio 1964 la nave fu messa in disarmo a Taranto e nel 1972 venne rimorchiato a La Spezia dove fu demolito.
Dati tecnici:
Cantiere: Ansaldo, Genova
Impostazione: 1931 - Varo:  1934 - Completamento: 1935 - Radiazione:  1964
Dislocamnto:  normale 8.875 Tonn  -  pieno carico 8.895 Tonn
Lungh. f.t.: 182,2 m   -   Larghezza: 16,6 m   -   Immersione: 6 m
Apparato motore:
6 caldaie - 3 turbine - 3 eliche - Potenza: 106.000 HP - Velocità: 37 nodi
Combustibile: 1.300 Tonn di nafta  -  Autonomia: 4.122 miglia a 18 nodi
Armamento:
8 pezzi da 152/53 mm
6 pezzi da 100/47 mm
8 mitragliere da 37/54 mm
8 mitragliere da 13,2 mm
4 tubi lanciasiluri da 533 mm
2 aereoplani
Equipaggio: 507 uomini