Benvenuto in una pagina del sito mitidelmare.it
Se ti piace il modellismo navale, se vuoi vedere modelli realizzati da tanti appassionati, se vuoi qualche piccolo suggerimento costruttivo, comincia dalla home page.   Buona navigazione !

Eugenio Costa

Modello in scala 1:100, navigante e radiocomandato, della nave da crociera italiana

Home page
Vai alla pagina degli altri miti
Vai al sito dell'A.N.V.O.
    Costruttore: Sebastiano Verdone
    Periodo:     1964
    Questa scheda è stata preparata per gentile concessione dell' A.N.V.O.
    Associazione Navimodellisti Valle Olona - Castellanza VA
L'eventuale riproduzione di immagini contenute in questa pagina deve essere preventivamente autorizzata dall'A.N.V.O.      e-mail: anvo@anvo.it
L'Eugenio Costa fu la prima nave costruita  in modo da poter essere impiegata sia per il trasporto dei passeggeri che per il servizio crociere.
Nel corso degli anni '60 le navi di linea cominciavano, infatti, a cedere il passo al trasporto aereo e, negli anni successivi, queste grandi navi, opportunamente strutturate, trovarono impiego solo nel settore crocieristico.
La nave fu costruita dai Cantieri Riuniti dell'Adriatico di Monfalcone e varata il 21 Novembre 1964 con il nome di Eugenio "C".
Lunga 217,45 metri e larga 29,7 metri, aveva una stazza lorda di 30.576 tonnellate.
Si caratterizzava per la sala macchine spostata verso poppa e per le due ciminiere affiancate.
L'apparato di propulsione era costituito da tre caldaie e due gruppi turboriduttori per una potenza complessiva di 55.000 HP.
Aveva due eliche e raggiungeva una velocità di crociera di 27 nodi.
L'equipaggio era di 419 persone.
Poteva trasportare 1636 passeggeri.
Nel 1987 subì importanti trasformazioni per adattarla al servizio crocieristico esclusivo.
Il nome fu modificato in "Eugenio Costa".
Furono migliorate e ampliate molte cabine e fu ingrandito il salone soggiorno a poppa.
Dopo il 1996 fu noleggiata alla Direct Cruise e poi alla Premier Cruise.
Fu infine venduta e ribattezzata prima Edimburg Castle e poi Big Red Boat II.
Nel 2000 fu posta in disarmo nell'isola di Freeport, alle Bahamas.
Nel 205 andò con mezzi propri nella baia di Alang, nel Nord Ovest dell'India, dove fu demolita.