Benvenuto in una pagina del sito mitidelmare.it
Se ti piace il modellismo navale, se vuoi vedere modelli realizzati da tanti appassionati, se vuoi qualche piccolo suggerimento costruttivo, comincia dalla home page.   Buona navigazione !

Sir Lancelot

Dragamine britannico

Home page
Vai alla pagina degli altri miti
Vai al sito dell'A.N.V.O.
Costruttore:   Maeran Rolando
Periodo:  1943        Scala 1:32   
Questa scheda è stata preparata per gentile concessione dell' A.N.V.O.
Associazione Navimodellisti Valle Olona - Castellanza VA
L'eventuale riproduzione di immagini contenute in questa pagina deve essere preventivamente autorizzata dall'A.N.V.O.      e-mail: anvo19@outlook.it
Tra il 1942 e il 1943 vennero approntati otto dragamine che, nella realtà, altro non erano che dei pescherecci armati. A questa classe di dragamine vennero dati i nomi dei cavalieri della tavola rotonda: Sir Agravine, Sir Galahad, Sir Gareth, Sir Geraint, Sir Kay, Sir Lamorack, Sir Tristan e il più rinomato Sir Lancelot. Queste navi operarono principalmente nella acque territoriali inglesi con il preciso scopo di tenere libere dalle mine le rotte dei convogli che rifornivano l’Inghilterra, ma ebbero anche il ruolo di  scorta ai convogli, come caccia antisommergibili e più in generale utilizzati per la sorveglianza e protezione di porti e canali. 
Dopo la fine della seconda guerra mondiale alcuni di questi dragamine vennero convertiti in navi faro per la sicurezza dei naviganti. Questa serie di navi, considerate come naviglio da guerra minore, venne inglobato nella RNSP, cioè la Royal Naval Service Patrol, una branchia della Marina Militare inglese. Le navi della RNSP consistevano in una vasta e variegata tipologia di mezzi. Dai pescherecci alle baleniere, addirittura da piroscafi a ruote e yacht, logico quindi che la marina da guerra  vera e propria diede un soprannome a questo agglomerato di uomini e mezzi. 
La definizione di H.M.T. His Majesty’s Trawler divenne Harry Tate Marine. Harry Tate altro non era che un artista da music hall piuttosto goffo dell’epoca. Come a dire che era una marina da burla. I marinai  erano quasi tutti volontari e, all’inizio, non avevano nemmeno una vera e propria divisa, inoltre a questi ufficiali e marinai vennero destinate armi ed apparecchiature obsolete se non addirittura risalenti alla prima guerra mondiale. Ciò nonostante questi uomini seppero superare al meglio le avversità e dettero anche un contributo di sangue notevole. Infatti ben 2385 membri della RNSP perirono durante la seconda guerra mondiale.
La nave - Sir Lancelot è stato costruito nel 1941 dai cantieri John Lewis & Co. di Aberdeen. Venne completato nel marzo del 942 come dragamine e convertito 1944 a livello di DAN. Ha preso parte della operazione Nettuno, lo sbarco del D-Day in Normandia. Nel 1946 è stato venduto al Ministero della Agricoltura e della Pesca con compiti finalizzati alla protezione della pesca.
Si ritiene che successivamente, nel 1962, sia stato venduto e riconvertito per la pesca a strascico. Risultava ancora registrato in servizio nel 1981. Un sicuro segno di riconoscimento per la validità del suo progettista e dell’ottimo lavoro dei cantieri in cui è stato costruito.
Il modello - Lunghezza cm 143;  Larghezza cm 26;  Altezza  cm 70;  Peso kg 25;  Scala 1:32
Il modello è stato ricavato partendo da scatola di montaggio proveniente dalla ditta inglese Mount Fleet Model. Scafo in vetroresina, strutture miste tra vetroresina, legno, alluminio, abs, ottone. E’ stato ampiamente ricostruito nei particolari sostituendo quanto contenuto nella scatola con altrettanti autocostruiti. Modello navigante con motore elettrico  da 12v  rapportato tramite cinghia dentata e puleggia.
Funzioni del modello:
Avanti/indietro con variatore elettronico. Rumore del motore variabile in funzione della velocità del modello. Generatore di fumo a resistenza. Sirena da nebbia. Impianto di illuminazione a settori. Impianto elettronico di sicurezza per il caricamento e controllo dello stato di carica delle batterie.  In caso di esaurimento carica o di abbassamento eccessivo del voltaggio, l’impianto esclude tutte le funzioni accessorie e alimenta solo il motore e timone per il recupero del modello. Emette un segnale di allarme che puo essere spento solo dopo aver riportato il modello a riva.