Benvenuto in una pagina del sito mitidelmare.it
Se ti piace il modellismo navale, se vuoi vedere modelli realizzati da tanti appassionati, se
vuoi qualche piccolo suggerimento costruttivo, comincia dalla home page. Buona navigazione!

C.S.S. David
Torpedo Boat


Home page
Vai alla pagina degli altri miti
Vai al sito dell'A.N.V.O.

Contatta
l'autore del sito

Costruttore:   Dino Dall'Asta
Periodo:  1863          Scala  1:32
Questa scheda è stata preparata per gentile concessione dell' A.N.V.O.
Associazione Navimodellisti Valle Olona - Castellanza VA
Questo semi-sommergibile, in pratica un vero e proprio battello d’assalto, fu costruito a Charleston, nella Carolina del Sud, ad opera dei Confederati nel 1863.
Progettato esclusivamente per avvicinare e colpire le navi nemiche che al largo, alla fonda, bloccavano l’importante porto di Charleston, si immergeva sotto il pelo dell’acqua grazie alla zavorra distribuita abbondantemente lungo lo scafo, lasciando sporgere solo la lunghezza della sovrastruttura di comando, il fumaiolo e i due condotti cilindrici di ventilazione.
Aveva lo scafo in legno a forma di sigaro - lungo 15 m e largo max 1,8 m - con le estremità rivestite da coni metallici, mentre altre lastre di ferro, opportunamente sagomate a protezione, ricoprivano parzialmente sia la parte superiore che le fiancate.
A prua un supporto sosteneva una pertica lunga 10 m alla cui estremità era inserita una torpedine lunga 81 cm e del diametro di 25 cm che, dotata di una carica di 50 kg di polvere nera, deflagrava a percussione dello scafo della nave da guerra nordista.
La stessa pertica si poteva inclinare, mediante una fune passante su una carrucola, in modo da colpire la nave nemica sotto la linea di galleggiamento.
Da qui il nome di David: l’attacco di un piccolo battello contro navi molto più grandi e potenti. Golia.
Nella notte senza luna del 5 ottobre 1863 intraprese la sua prima missione: sfruttando l’effetto sorpresa uscì dal porto di Charleston, raggiunse le navi unioniste che stazionavano al largo  e speronò la corazzata New Ironsides, ammiraglia della flotta assediante, provocando all’impatto l’esplosione della torpedine che danneggiò seriamente la nave stessa, tanto che dovette abbandonare il blocco navale.