Benvenuto in una pagina del sito mitidelmare.it
Se ti piace il modellismo navale, se vuoi vedere modelli realizzati da tanti appassionati, se vuoi qualche piccolo suggerimento costruttivo, comincia dalla home page.   Buona navigazione !

Santa Maria

La Santa Maria era la più grande delle tre navi che componevano la flotta con la quale Cristoforo Colombo raggiunse il continente americano.

Home page
Vai alla pagina degli altri miti
Vai al sito dell'A.N.V.O.
L'eventuale riproduzione di immagini contenute in questa pagina deve essere preventivamente autorizzata dall'A.N.V.O.      e-mail: anvo@anvo.it

Costruttore:  Paolo Candusso
Periodo  XV Secolo  -  Scala 1:50
Lunghezza della nave 39 m   -   Lunghezza del modello 78 cm

Nel fotomontaggio a fianco, eseguito dall'autore di questo sito,  la Santa Maria è la nave in prima posizione.
Questa scheda è stata preparata per gentile concessione dell'
A.N.V.O.
Associazione Navimodellisti Valle Olona - Castellanza VA
La Santa Maria fu la nave ammiraglia nella spedizione con la quale Cristoforo Colombo, partito il 3 Agosto 1492 dal porto di Palos de la Frontera, raggiunse il continente americano dopo 71 giorni di viaggio.
Costruita a Santander era molto robusta e faceva servizio mercantile con il nome di Galenda. Apparteneva a Juan De La Casa che la noleggiò per l'impresa. Era una caracca a tre alberi con vele quadre ed una stazza che, ai valori attuali, era di 51 tonnellate. L'albero di maestra era alto 26,6 metri con il grande "trevo", estendibile con due coltellacci laterali, sul quale era dipinta la Croce di Castiglia e, sopra, una piccola vela di gabbia. Sull'albero di trinchetto c'era l'omonima vela e, sull'albero di mezzana, la vela latina triangolare. Sul bompresso c'era la civada. A poppa c'era un cassero nel quale si trovava la cabina di Cristoforo Colombo mentre gi altri componenti l'equipaggio dormivano sotto il ponte di coperta.
La Santa Maria era in grado di raggiungere, in condizioni favorevoli, i 10-12 nodi. Questa nave si arenò a Hispaniola e andò perduta. Cristoforo Colombo si traferì allora sulla Nina.