Benvenuto in una pagina del sito mitidelmare.it
Se ti piace il modellismo navale, se vuoi vedere modelli realizzati da tanti appassionati, se vuoi qualche piccolo suggerimento costruttivo, comincia dalla home page. Buona navigazione

Bounty

Mercantile britannico

Home page
Vai alla pagina degli altri miti
Vai al sito dell'A.N.V.O.
  Costruttore:   Borsani Massimo
  Periodo: 1787          Scala 1:60
Questa scheda è stata preparata per gentile concessione dell' A.N.V.O.
Associazione Navimodellisti Valle Olona - Castellanza VA
Dislocamento: 218 Tonn
Lunghezza 76 x Larghezza 14,5 x Altezza 63 cm
Modello statico

Nell'Inghilterra del XVIII secolo, il paese più ricco e potente del mondo, il divario fra le classi sociali era profondo. Da un lato una massa enorme di poveri sfruttati nelle industrie, di bambini che non arrivavano all'adolescenza, dall'altro clero e nobiltà che da questa situazione ricavavano enormi vantaggi e schiavisti ai quali il governo dava premi in denaro.
In questo contesto storico si inserisce la vicenda del H.M.S. Bounty: i negrieri delle colonie americane avevano chiesto alla corona il trapianto degli alberi del pane in America in modo da ridurre così il costo del mantenimento degli schiavi.
L'Ammiraglio armò il Bounty e ne affidò il comando al 33.enne Tenente Blingh. Nel 1789 il Bounty era a Tahiti dove si fermò 5 mesi. Completato il carico, la nave si dirigeva verso l'Inghilterra quando l'equipaggio, capeggiato dal secondo di bordo Fletcher Christian, si ammutinò.
Blingh fu costretto, con pochi sottufficiali a lui fedeli, ad imbarcarsi sulla lancia di salvataggio con pochi viveri e senza armi da fuoco. Con quella lancia Blingh percorse 3600 miglia: impresa unica nella storia della navigazione. Nei tre anni successivi gli ammutinati superstiti furono catturati e condannati a morte. Solo Fletcher, con altri otto, sfuggì alla cattura e si rifugiò sull'isola di Pitcairn dove, al pari degli altri, trovò morte violenta per le numerose liti scoppiate all'interno del gruppo.